Last edited by Edizioni Polistampa
05.08.2021 | History

4 edition of Chiesa e convento di San Bonaventura a Bosco ai Frati found in the catalog.

Chiesa e convento di San Bonaventura a Bosco ai Frati

guida alla visita della chiesa e del convento e alla scoperta del territorio

  • 1414 Want to read
  • 889 Currently reading

Published by Administrator in Edizioni Polistampa

    Places:
  • United States
    • Subjects:
    • Edizioni Polistampa


      • Download Chiesa e convento di San Bonaventura a Bosco ai Frati Book Epub or Pdf Free, Chiesa e convento di San Bonaventura a Bosco ai Frati, Online Books Download Chiesa e convento di San Bonaventura a Bosco ai Frati Free, Book Free Reading Chiesa e convento di San Bonaventura a Bosco ai Frati Online, You are free and without need to spend extra money (PDF, epub) format You can Download this book here. Click on the download link below to get Chiesa e convento di San Bonaventura a Bosco ai Frati book in PDF or epub free.

      • Includes bibliographical references (p. 279-282) and indexes.Texts in Italian and English.

        StatementEdizioni Polistampa
        PublishersEdizioni Polistampa
        Classifications
        LC Classifications2008
        The Physical Object
        Paginationxvi, 113 p. :
        Number of Pages87
        ID Numbers
        ISBN 10nodata
        Series
        1
        2Piccoli grandi musei -- 18
        3

        nodata File Size: 10MB.


Share this book
You might also like

Chiesa e convento di San Bonaventura a Bosco ai Frati by Edizioni Polistampa Download PDF EPUB FB2


Il committente fu Cosimo il Vecchio che ebbe cura di fornire il complesso francescano di arredi e opere da lui commissionate e segnate dallo stemma mediceo.Firenze Inquadramento storico Il complesso denominato del Bosco ai Frati, in Mugello, risulta costituito principalmente dal complesso conventuale e dalla Chiesa di San Bonaventura. Qui vissero, fra gli altri, il venerabile detto lo Scalzo, al tempo di san Francesco, ed il padre.

Gaspero Righini Mugello e Val di Sieve, note e memorie storico-artistico-letterarie, Firenze, Tipografia Pierazzi, 10 ottobre 1956• I Medici e il Bosco ai Frati. La Madonna che porge il Bambino a San Francesco Datazione: fine del XVI sec. Esso fu nuovamente impoverito con la soppressione da parte dialla caduta del quale i frati vi poterono far ritorno fino alquando fu nuovamente soppresso dal governo italiano. Questo il percorso tematico: Dal VII secolo ad oggi, la storia. I dolci e il pane sono fatti in casa e con farine selezionate.

Orario, al momento, salve eventuali modifiche per questioni organizzative, tutti i giorni dalle ore 9:00 alle ore 12:00 - per orari pomeridiani contattare la mail: info boscoaifrati. Siamo nel Convento di Bosco ai Frati nel Comune di San Piero e Scarperia in Mugello circondato da boschi di cerri, fondato dagli Ubaldini nel VI secolo, venne donato ai Francescani che vi entrarono nel 1212.

La vecchia cucina del convento.

Il Filo

Cludio Liscia Responsabile del cantiere: Leandro Mugelli Imprese esecutrici: Mugelli Costruzioni s. La pala rappresenta una Sacra conversazione, al centro troviamo la Madonna col Bambino tra due angeli, insieme a sei figure di Santi.

Dal loggiato si accede anche al convento, adiacente alla Chiesa, con al centro un chiostro nel cui loggiato, interamente murato, si aprono quattro porte. Il Mugello dei Medici Convento di S. Al via le prenotazioni per le visite guidate che si terranno nei giorni 20 e 27 febbraio alle ore 10:30 e 5 marzo alle ore 9:30.

Anche tutti gli altri spazi museali e espositivi, la sala del Capitolo con il Cristo di Donatello, l'antico refettorio, la sala della biblioteca, e la parte conventuale riservata ai frati, non hanno subito danni. Il progetto fu affidato a Michelozzo, insieme ai lavori per il Trebbio e Cafaggiolo, come testimoniato dalla biografia del Vasari dedicata al noto architetto.

Questa tela, posta nella Sala del Crocifisso, raffigura la santa con la consueta ruota del martirio. La cappella di San Bonaventura. La storia remota del Complesso risale al VII secolo, quando la famiglia degli Ubaldini concesse un piccolo terreno ai Basiliani, che vi costruirono una cappella e un ricovero per i pellegrini, rimanendovi fino al 1012.

Tecnica e Materiali: legno di pero Dimensioni: 168 cm.